6 gennaio 2012

Apotélesma ha trovato questa notte nella calza un singolare dono: la traduzione in italiano, a cura di Lucia Bellizia, di Der Stern der Weisen (La stella dei Magi), articolo scritto nel 1917 dal filologo tedesco Franz Boll. Regalo quanto mai appropriato, visto che oggi si festeggia l’Epifania, ovvero la prima manifestazione divina di Gesù agli uomini con la visita dei Magi, venuti ad adorarlo ed a portargli preziosi doni. Li ha guidati alla grotta in cui è da poco nato una stella, come narra l’evangelista Matteo, e dal suo racconto hanno poi preso le mosse gli esegeti per tentare, attraverso l’identificazione di quel corpo celeste, una datazione della nascita del Re dei Giudei. Franz Boll porta in Der Stern Der Weisen un proprio contributo alla discussione, attraverso una stringente analisi filologica del termine greco usato per indicare la stella. Buona lettura dunque (http://www.apotelesma.it/upload/La_stella_dei_Magi.pdf), con l’augurio che la Befana sia generosa anche con voi e vi faccia trovare assieme al rituale carbone di zucchero anche qualche buon testo di Astrologia.

Adorazione

Albrecht Altdorfer – Die Anbetung der Heiligen drei Könige
Olio su pannello – 1530/1535 ca.
Städelsches Kunstinstitut
Frankfurt am Main