­

Traduzione di altri due saggi scritti da Franz Boll

Di |Eventi|

29 luglio 2012

Spinta da micio Belial e da micia Cece [rispettivamente Team Manager ed aiuto Team Manager della nostra Associazione], sempre vigili sulla produzione di nuovi lavori che diano lustro ad Apotélesma, Lucia Bellizia ha deciso di tradurre dal tedesco due preziosi saggi scritti nel 1917 da Franz Boll, filologo impareggiabile e rigoroso, fonte inesauribile di informazioni sul significato dei termini tecnici astrologici greci. Si tratta di Sternenfreundschaft – Ein Horatianum (Amicizia delle stelle – Un carme di Orazio) e di Synastria (Sinastria). La traduzione è ora leggibile ai link Boll_-_Sternenfreundschaft_-_ein_Horatianum.pdf e Boll_-_Synastria.pdf. L’argomento che accomuna i due articoli è quello dell’evoluzione che ha avuto nella letteratura astrologica greca il significato della parola sunastría, che nata per indicare un insieme di astri, si è poi trasformata in concordanza dell’insieme degli astri e poi ancora in amicizia che ne deriva. Non ci resta che ringraziare i Boncini per la loro costante presenza e per il loro incoraggiamento ed augurare a tutti buona lettura!

Amicizia delle stelle – Un carme di Orazio

Di |Sezione Riservata, Traduzione testi moderni|

Clicca qui e continua a leggere!

Synastria

Di |Sezione Riservata, Traduzione testi moderni|

Clicca qui e continua a leggere!

Perì toû idíou daímonos

Di |Storia dell'Astrologia|

Clicca qui e continua a leggere!

Piacevole wek end astrologico a Perugia

Di |Eventi|

23 luglio 2012

Ha avuto luogo ieri e l’altroieri (21 e 22 luglio) a Perugia il IV Convegno internazionale di Astrologia, organizzato dall’ottima Meskalila Nunzia Coppola, Presidente dell’Associazione Culturale Jayavidya. Suggestivo il titolo scelto “Sacro in cielo e sacro in terra”, come a dire che tra la sfera celeste e quella umana esiste un ponte che ci è dato attraversare, e ricca di storia e di fascino la location, la splendida Sala dei Notari a Palazzo dei Priori, nel cuore della città. Due giornate di buona astrologia, che hanno visto alternarsi al microfono relatori italiani e stranieri, di sicura esperienza e di indubbia preparazione. Partecipava ai lavori anche Lucia Bellizia, con un saggio dal titolo Perì toû idíou daímonos, di cui diamo ora pubblicazione nella Sezione Articoli del nostro sito (Idios Daimon) e nel quale è possibile trovare una disamina dei diversi approcci – filosofico, astrologico, teurgico – che furono propri del mondo greco antico sul tema del demone personale, e cioè di quell’entità o pianeta che regge il destino del singolo essere umano. Il nostro Presidente era giunto a Perugia già nel tardo pomeriggio di venerdì, giusto in tempo per partecipare con l’amica Meskalila  e con alcuni dei relatori alla Cena Rinascimentale, che si è tenuta in Piazza del Melo alle h. 20,30. Una festa di piazza nella quale alle degustazioni gastronomiche si è unito l’intrattenimento musicale e teatrale e che è terminata con un gioioso girotondo su musiche dell’epoca.

Il Convegno si è svolto impeccabilmente come da programma (http://www.jayavidya.org/CONVEGNO%20INTERNAZIONALE%202012.html) ed ha offerto anche momenti conviviali molto intensi, come ad esempio al termine della prima giornata, quando relatori e pubblico si sono ritrovati tutti al Ristorante Iris per una cena di gala persiana, e tra una pietanza e l’altra hanno potuto gustare anche uno spettacolo di danza del ventre.  Ed è stato l’occasione per rivedere volti conosciuti e riabbracciare vecchi amici: Chiara Capone e suo marito, Maria Grazia La Rosa, Grazia Bordoni, Patrizia Nava, Fabrizio Corrias  (solo per citarne alcuni). Il pubblico convenuto – competente ed attento – ha mostrato di gradire molto la manifestazione, ripagando così Meskalila per l’impegno profuso nell’organizzarla.

Intervento2

 Meskalila e Lucia Bellizia (a destra)
durante l’intervento di quest’ultima sull’ídios daímon

 tre

Lucia Bellizia, Meskalila, Deborah Houlding

 quattro

Lucia Bellizia con Patrizia Zivec (a sinistra), Katia Mazzoni e Mauro Martinelli
gli amici di Cielo e Terra venuti ad ascoltarla

Davvero un piacevole week end astrologico, del quale ringraziamo ancora Meskalila, ottima conferenziera e squisita padrona di casa.

XII Convegno Astrologico Torinese: noi c’eravamo!

Di |Eventi|

11 giugno 2012

Sabato 9 giugno Lucia Bellizia era a Torino per partecipare ai lavori del XII Convegno Astrologico Torinese, organizzato come sempre dall’ottima astrologa ed amica Grazia Mirti. Stimolante l’argomento proposto quest’anno: l’Astrologia della coppia. L’appuntamento si sta rivelando sempre più intrigante, in quanto è anche l’occasione per rivedere quelli che ormai più che compagni di studio possono essere considerati cari amici. Il nostro Presidente era a Torino già venerdì sera e non si è lasciata scappare l’occasione di andare a cena con la brava Anna Gattai, scesa nel suo stesso albergo, e con l’allieva Silvia Miglioli, che si è unita con piacere abitando in città. Che gioia chiacchierare con persone con le quali si è in piena sintonia e con le quali si ha il privilegio di condividere un interesse così particolare! Al sabato mattino via di corsa all’Hotel Concord, sede del Convegno, pronti a vivere una giornata di buona astrologia. Tanti gli interventi e tutti ben calibrati. Mai come quest’anno l’atmosfera ci è parsa magica …. non c’è stato un attimo di noia. Vogliamo ricordare Graziano Vagnozzi, Christiane Nastri, Marisa Paschero, Marco Gambassi…. sodales ormai, coi quali è sempre piacevole ritrovarsi. Anche Lucia Bellizia ha presentato una propria relazione dal titolo Un couple maudit(http://www.apotelesma.it/upload/Un_couple_maudit.pdf): una coppia molto particolare, quella composta cioè dai poeti maledetti Paul Verlaine ed Arthur Rimbaud. Diversità, allucinazione…. follia o forse semplicemente due uomini che tentarono di vivere fino in fondo la propria vita a dispetto delle convenzioni.

To2012

Lucia Bellizia presenta la propria relazione

Tab2012

Comparazione tra le geniture di Paul Verlaine e di Arthur Rimbaud

A sera la splendida terrazza delle padrone di casa, Grazia e di Elisabetta Mirti (assente micia Penelope), ci attendeva sempre più lussureggiante, per la consueta cena di gala. Un buffet ineccepibile da gustare conversando, assieme agli amici vecchi e nuovi. Che bella serata! Mai come quest’anno è spiaciuto al nostro Presidente, chiamato a Genova da pressanti inderogabili impegni, non potersi fermare anche il giorno seguente. Ci è stato riferito infatti, e non stentiamo a crederlo, che i lavori sono stati alla domenica altrettanto interessanti: il Seminario di Grazia Mirti al mattino e la visita al Museo Egizio al pomeriggio. Che peccato!!!! Speriamo di poterci rifare in una prossima occasione!