­

Come è profondo il cielo

Di |Eventi|

15 aprile 2021

Di comune accordo con Giancarlo Ufficiale, che ne è l’autore, pubblichiamo la relazione (Com’è profondo il cielo), che egli ebbe a presentare in occasione del V Convegno della nostra Associazione. Ve ne raccomandiamo caldamente la lettura, in quanto gli argomenti in esso trattati sono e rimangono di indubbia attualità:

  • Indiscusso rapporto tra eventi generali e particolari (Claudio Tolemeo, Tetrábiblos, I, 1 e 2)
  • Simbolismo e strutturalismo
  • Causa-effetto o sincronicità?
  • Importanza dell’osservazione del cielo
  • Domificazione (Emisfero Sud; temi tropicali, equatoriali, oltre il circolo polare artico, nelle fasce temperate)

Buona lettura!

 

Pasqua 2021

Di |Eventi|

24 marzo 2021

Un caldo augurio ai nostri amici e lettori di
xxx

auguri-pasqua-sito

 

da parte dell’Associazione Culturale Apotélesma!

Una nuova sensibilità filologica e il ritorno a Tolemeo

Di |Eventi|

17 gennaio 2021

Oggi, domenica 17 gennaio, Lucia Bellizia ha tenuto alle 16, via Zoom, una conferenza dal titolo “Una nuova sensibilità filologica e il ritorno a Tolemeo”. L’incontro era in realtà stato programmato già per il giugno 2020, ma le condizioni di salute del nostro Presidente ne avevano reso impossibile la realizzazione.  Organizzatrice dell’iniziativa l’ottima Chiara Gelmetti, Presidente di ADA, Associazione Danze Antiche, che fu nostra ospite al Convegno di Apotélesma del 2019. Questo pomeriggio è andato tutto per il meglio, con grande soddisfazione della relatrice e degli ascoltatori.

 

lucia-bellizia-tolemeo-17-gennaio-2021-ridotta

La locandina dell’incontro
vvv

E’ stato bello parlare di chi fu Tolemeo, della temperie culturale dell’Alessandria dell’età imperiale, della riscoperta del greco in Occidente e con essa anche degli scritti astrologici finalmente leggibili in lingua originale e non più nelle traduzioni in latino dall’arabo (alla cui mediazione si deve tuttavia l’aver salvato tante opere astrologiche e non, e di averle trasmesse all’Occidente). Speriamo che questo incontro, che inaugura l’anno 2021 per la nostra Associazione e del quale a breve sarà disponibile la registrazione, non sia che il primo di una lunga serie di eventi divulgativi dell’astrologia antica, anche dal punto di vista storico e filologico.

Natale 2020

Di |Eventi|

20 dicembre 2020

Cari soci, amici e simpatizzanti della nostra Associazione Culturale, cari lettori del nostro sito, vicini e lontani, buon Natale, buon Natale ovunque voi siate! E Buon Anno Nuovo! Vi giunga da parte nostra un caldo augurio di buone feste e di cieli luminosi! Con l’auspicio particolare che il 2021 riserve liete novità a tutti.

—-

natale-2020

Il punto della situazione

Di |Eventi|

16 novembre 2020

Cari Soci, cari lettori,

il 2020 non può dirsi certamente un anno fortunato: la prima ondata ed ora la seconda dell’epidemia, che dico! pandemia Covid-19 ha letteralmente trasformato la nostra vita! A questo vanno aggiunti i problemi di salute, che hanno tormentato me personalmente, costringendomi a letto per tre mesi e che sembrano ora in via di risoluzione. La vita di Apotélesma non poteva non risentirne: disdetto con grande dolore l’annuale Convegno della nostra Associazione, disdetta la partecipazione da parte mia a numerosi altri Convegni. Anche se il pericolo Coronavirus non sembra essere cessato, ci viene in aiuto la tecnologia e la possibilità di interagire da casa a mezzo computer. Quindi le riunioni con i Soci continueranno via Skype e da gennaio 2021 riprenderanno le lezioni di astrologia. Ho intenzione di preparare anche una serie di work-shop di 3 ore ognuno, per chi fosse interessato, come pure di riprendere a lavorare al mio secondo libro.  In buona sostanza la vita intellettuale, al contrario di quella sociale, non deve arrestarsi. A riprova di quanto affermo mi sono dedicata in questi giorni a tradurre e commentare il III capitolo del De iudiciis geniturarum di Girolamo Cardano. Il saggio porta il titolo Le proprietà delle stelle ed è leggibile sul nostro Sito. L’intero De iudiciis fu tradotto nel 2005 da Teresa Delia e commentato da Ornella Pompeo Faracovi in Come si interpretano gli oroscopi, Istituti Editoriali e poligrafici Internazionali, Pisa-Roma. Il lettore attento noterà che la mia traduzione differisce ed emenda in alcuni punti quella proposta da Teresa Delia; il passo viene inoltre integrato con numerosissime note, volte ad identificare le stelle citate dal Cardano e con l’esame delle altre geniture, cui si fa riferimento nel passo stesso.

Aggiungo altri due saggi, scritti prima di ammalarmi:

  • il primo dal titolo Brevi note sulla nascita dell’astrologia, nel quale tratteggiai brevemente la genesi di quest’ars millenaria;
  • il secondo dal titolo La natività di Armand du Plessis, nel quale esaminai e commentai la genitura del Duca di Richelieu e il suo decubito, così come presentati nelle loro opere da Morin de Villefrance, che lo conobbe personalmente, da Argoli e da Placido de Titi.
    Armand Jean du Plessis (Parigi, 9 settembre 1585 – 4 dicembre 1642.), Duca di Richelieu, creato Cardinale nel 1622 e principal ministre d’État (Primo Ministro di Francia) nel 1624, fu abilissimo diplomatico, uomo inflessibile nel perseguire i propri obiettivi politici, avido di potere e più potente del Re stesso, spietato con i nemici; ebbe tuttavia nella salute il proprio tallone d’Achille. Emicranie, ascessi, ritenzione d’urina, emorroidi e febbri intestinali (solo per citare alcune delle sue affezioni) non gli impedirono tuttavia né di coltivare gli studi né di dedicarsi alla gloria della Francia. Inviso alla nobiltà, scampò a ben cinque congiure volte a esautorarlo o a ucciderlo.
    Ci sia dunque di esempio nel dedicarci indefessamente agli studi, nonostante ogni possibile ostacolo, interno ed esterno.

Buona vita e avanti tutta!
Lucia Bellizia

Milù

Di |Eventi|

16 novembre 2020

E’ da un pò di tempo che non pubblichiamo più le foto dei gatti dei nostri Soci. Una bella abitudine che intendiamo ripristinare! Il Parco gatti della nostra Associazione può dunque contare anche su Milù, la felina della nostra Socia Antonella. Ve la presentiamo:

 

milu

 

La nostra Socia ce la descrive così: “E’ una principessa viziata curiosa ma allo stesso tempo un po’ timorosa. Con la maturità ha iniziato ad essere coccolona e a fare tante fusa, ma solo quando piace a lei!!! A proposito mangia solo Gourmet”

Benvenuta Milù!

 

Almanacco per Astrologi 2021

Di |Eventi|

17 ottobre 2021

Proponiamo anche quest’anno, con estremo piacere, l’Almanacco astronomico per Astrologi  a cura di Giancarlo Ufficiale. Redatto da un vero conoscitore dell’argomento, si rivela per il lettore strumento utilissimo per fondare i propri giudizi sui moti reali del cielo. Poiché non può esservi, come ebbero a dire Claudio Tolemeo e secoli più tardi Gerolamo Vitali, astrologia senza astronomia, ecco che nemmeno oggi si può prescindere dalla consultazione di un’opera di questo genere.

Come negli anni precedenti l’Almanacco reca all’inizio (in alto a destra) una piccola foto di Kicca, la micia di Giancarlo: la bestiola adesso si trova, come il nostro Bonci e alla nostra Cece, al Ponte dell’Arcobaleno. E’ lì che giocano insieme ed attendono coloro che furono per essi compagni di vita e di studi e che non smettono un attimo di ricordarli.

Ma lasciamo che a presentare il proprio lavoro sia Giancarlo, riportando integralmente le parole della prefazione:

“Sosteniamo da tempo che i fenomeni celesti costituiscono il presupposto essenziale per una corretta investigazione astrologica. I moti di Luminari, pianeti e stelle tanto nella Sfera Celeste che nella Sfera Locale devono essere ben conosciuti dall’interprete per un giudizio che sia il più puntuale possibile, perlomeno nei limiti imposti dalla dottrina e dalla capacità del singolo, professionista, ricercatore o appassionato che sia. Ciò che qui segue delinea il mio personale contributo, affinché attraverso schemi e tabelle gli eventi celesti salienti relativi al 2019 siano facilmente individuabili, in modo da trarne interpretazioni proficue tanto per l’astrologia genetliaca che per quella cattolica.
L’Almanacco 2019 è suddiviso in varie sezioni:

1 – eclissi di Sole e di Luna;

2 – calendario lunare;

3 – calendario solare;

4 – calendario dei pianeti;

5 –tabelle di aperture delle porte e di accerchiamenti (altrimenti noti come assedi od obsessio) della Luna;

6 – calendario riassuntivo dei fenomeni citati dal n. 1 al n. 5;

7 – apparizione di comete visibili ad occhio nudo;

8 – stelle, le loro fasi e il calendario delle fasi;

La scelta di porre al primo posto le eclissi non è casuale. Infatti queste costituiscono il fenomeno più eclatante delle variazioni luminose, che compongono il fondamento su cui si erige l’intero edificio dell’astrologia tradizionale (o classica che dir si voglia). Seguono poi gli eventi dei Luminari, sulla cui importanza è superfluo soffermarci, essendo almeno questo un principio condiviso da ogni scuola di pensiero.  Della Luna segnaliamo le quattro fasi principali, evidenziando in grassetto nero le sizigie che precedono l’entrata del Sole in un Segno Tropico ed in grassetto rosso le sizigie eclittiche. Da questa edizione riferiamo anche della λ dei Luminari nelle 4 fasi. Ed inoltre i Nodi ed i Ventri, sempre utili all’interprete accorto e sapiente. Nella tabella degli apogei e perigei lunari sono evidenziati in grassetto quelli assoluti, ossìa la distanza massima e minima del satellite dalla Terra: chi si occupa di Luna Nera dovrebbe trarne una qualche riflessione. Infine riproduciamo le tabella della Prima ed Ultima Visibilità della Luna alle latitudini di Milano, Roma e le occultazioni planetarie della Luna.

Del Sole segnaliamo non solo l’ingresso nei Segni, ma anche le Congiunzioni e le Opposizioni ai pianeti, evidenziando – lì dove si forma – l’eventuale kazimi. In merito a quest’ultimo è doveroso precisare che non ci siamo attenuti alla versione strettamente fisica, ossia della differenza in Latitudine di 0°16’, ma a quella per così dire più liberale che le assegna 1°. In effetti i 16’ costituiscono – per i pianeti esterni – una vera e propria occultazione del pianeta alla vista, e per i pianeti interni o una mini–eclisse nel caso della Congiunzione inferiore o di un’occultazione nel caso della Congiunzione superiore. L’estensione di questa misura a 1° segnala la presenza dell’astro nella corona solare o comunque in quella zona così illuminata dai raggi solari da impedirne la visibilità. Perciò gli influssi non differiscono in un caso o nell’altro.

Per i pianeti, oltre ai consueti fenomeni segnalati nelle Effemeridi, abbiamo concesso un certo risalto alle fasi eliache (o epicicliche): Congiunzione al Sole, tempi di invisibilità, levate e tramonti eliaci, stazionarietà mattutina e vespertina. Eventi che per primi devono essere investigati da un astrologo che abbia idea di quel che sta facendo. Riferiamo anche gli incontri per Parallelo e Controparallelo di Declinazione. Sono riportati inoltre Nodi e Ventri, le magnitudini massime e minime, apogei e perigei, le tabelle relative alle Aperture delle Porte e le congiunzioni ed opposizioni planetarie complete delle Latitudini degli astri. Chiude il Calendario di tutti i fenomeni astronomici dettagliati in precedenza. Mi è parso uno sforzo utile a beneficio di coloro che hanno la bontà di consultarci.

Criteri analoghi abbiamo seguìto per i calendari dedicati alle fasi delle stelle, 128 in questa edizione, sebbene limitandoci a quelle principali: levata e tramonti eliaci, sorgere e tramonti cosmici, con tabelle dedicate a sei località italiane, scelte non solo in base all’estensione territoriale, ma anche alla latitudine geografica, in modo da coprire in modo soddisfacente l’intero territorio nazionale. Poi un Calendario riepilogativo delle predette fasi per quelle sei località, credo di utilissima consultazione. Tabelle, infine, anche per le loro posizioni equatoriali ed eclittiche. Tutte le ore riportate nell’Almanacco sono in Tempo Universale.“

Come si può notare, nell’Almanacco sono riportati tutti i fenomeni celesti più significativi e non trascurarne la consultazione diviene veramente indispensabile!
Buona lettura dunque!

The Show Must Go On

Di |Eventi|

29 marzo 2020

Stiamo attraversando un momento non certo felice: da giorni, chi può, si è barricato in casa per evitare di contrarre o di trasmettere il virus Covid/19, che da qualche mese imperversa, mettendo a repentaglio la salute, se non la vita di numerosissime persone. A buon diritto si parla di pandemia, in quanto sembra che ben poche siano le regioni della Terra, che il virus non sta interessando. Ovviamente sono radicalmente cambiate le abitudini di tutti noi: il caldo consiglio/divieto di riunirsi, di frequentare biblioteche, palestre o qualsiasi altro luogo sia motivo di contatto ravvicinato, costringe a casa la popolazione e la obbliga a cercare altri modi per occupare il tempo. Eppure non dobbiamo lamentarci: fuori non si sta affatto meglio! Se pensiamo infatti a coloro che tutti i giorni lavorano per assicurare i beni di prima necessità o peggio ancora combattono negli ospedali per salvare vite umane, per non parlare di chi ha contratto il virus e questa battaglia l’ha persa… dobbiamo ritenerci fortunati di essere qui nelle nostre case e di avere ancora la possibilità di leggere, studiare, scrivere. Ed è così che il tempo trascorre a casa Apotélesma!
Vogliamo perciò proporvi la lettura di alcuni saggi.

Il primo è la traduzione in italiano (a cura di Nadezhda Shineva) della relazione che Kiril Stoychev, Presidente dell’Associazione astrologica bulgara, presentò il 10 novembre 2019 alla First European Conference on Astrology. Il titolo suona Il prototipo dello Zodiaco babilonese e la relazione, già leggibile sul blog di Stoychev, è ora presente, su richiesta dell’autore, anche tra i nostri Articoli.

Il secondo si intitola Trump und seine Herauforderer ed è la relazione che Lucia Bellizia avrebbe presentato il 5 aprile a Münchingen (nel distretto di Stuttgart) se il Convegno, organizzato da Anne C. Schneider e Gerhard Lukert, non avesse dovuto essere annullato per causa di forza maggiore. L’autrice cerca di dare preventiva risposta al quesito: l’attuale Presidente degli Usa sarà rieletto il 3 novembre di quest’anno? Come potrete vedere la lotta tra Trump e lo sfidante Biden si annuncia serrata e gli astri stessi danno solo una leggera prevalenza ad uno dei due. Ma non vogliamo rovinarvi la sorpresa anticipando le conclusioni alle quali porta l’esame delle loro configurazioni astrali!

Come terzo riproponiamo invece l’articolo Delle stelle chiomate, che Lucia Bellizia scrisse nel settembre del lontano 2011 sulle comete: argomento tornato di attualità, visto che è in arrivo nei nostri cieli la C/2019 Y 4, che si annuncia di un brillante colore verde e la cui visibilità, a sentire gli astronomi, sarà senz’altro possibile.

vvv

atlas

La cometa C/2019 Y 4 (Atlas) fotografata il 14 marzo 2020

vvv

Nell’invitarvi a rimanere a casa fino al cessato pericolo e nell’augurarci che questo accada presto, vi lasciamo a queste letture, che speriamo possano rivelarsi proficue!

Annuale conferenza di Astrologia mondana a Münchingen

Di |Eventi|

2 febbraio 2020

Nell’ambito del Convegno di Astrologia mondana,organizzato anche quest’anno a Münchingen (nel distretto di Stuttgart) da Anne C. Schneider & Gerhard Lukert, Lucia Bellizia parlerà il 5 aprile p.v. delle Elezioni presidenziali americane, che si terranno il 3 novembre 2020. Nell’ambito del programma, che qui di seguito condividiamo con voi, presenterà una relazione dal titolo  Trump und seine Herausforderer.

vvv

programma-stuttgart-2020

 

Sarà bello rivedere vecchi amici e trascorrere ore liete in loro compagnia!

 

Convegno a Pesaro il 24-26 aprile 2020

Di |Eventi|

24 gennaio 2020

Avrà luogo a Pesaro dal 24 al 26 aprile 2020 il Convegno Moti celesti – Moti terreni Eccentricità ed effervescenze rinascimentali, organizzato da ADA Associazione Danze Antiche.  L’evento si terrà a Villa Giulia Pavarotti e verrà incluso nelle celebrazioni del noto e grande maestro di danza Guglielmo Ebreo da Pesaro, di cui ricorreranno quest’ anno i seicento anni dalla nascita.
vvv

locandina-ada-pesaro

La locandina dell’evento
vvv

All’evento è stata invitata anche Lucia Bellizia, che parteciperà con un saggio dal titolo La filologia nel Quattrocento e i primi testi greci a stampa, nella quale parlerà del ritorno del greco in Occidente. Dopo un lunghissimo periodo di assenza infatti, le sorti decadenti dell’impero d’Oriente diedero luogo a frequenti missioni diplomatiche all’estero, volte ad ottenere aiuto contro gli invasori Turchi. Un diplomatico bizantino, Manuele Crisolora, fu il primo a tenere lezioni regolari di greco in Italia: insegnò a Firenze nel 1397, data questa di fondamentale importanza per la storia culturale europea. Durante il Quattrocento inoltre molti profughi bizantini vennero a vivere in Italia e, lavorando come insegnanti o come amanuensi, favorirono la diffusione della loro cultura nella nostra nazione e nel mondo occidentale, la lettura o rilettura in originale di autori di lingua greca nonché la comparsa di eminenti umanisti. La relatrice si soffermerà in particolare sull’arrivo dei manoscritti di argomento astronomico, astrologico e filosofico, di cui seguì la stampa e che furono  nel tempo oggetto di dotti commenti.

Chi volesse maggiori informazioni e/o volesse partecipare a questo bel Convegno troverà nell’ambito del programma costi e modalità.